domenica 5 febbraio 2017

Caramelle gommose

Per chi come me è goloso di caramelle gommose questa ricetta

è favolosa.

Dopo averne provate diverse e il risultato è stato quello di buttare

via tutti gli ingredienti perché una volta non si sono solidificati,

un'altra volta si sono sciolte dopo averle passate nello zucchero, ho deciso

di provare una variante tutta mia.

Prima di tutto mi sono comprata le formine in silicone.

Quelle dei cioccolatini sono l'ideale!


Per riempire tutte e tre le formine ho avuto bisogno di :

150gr di succo di frutta ( va benissimo anche la spremuta fresca di arancia o di limone)

130 gr di zucchero semolato

6 fogli di gelatina

Ho messo a bagno i fogli di gelatina in poca acqua.

Ho messo nel boccale  del bimby il succo di frutta e lo zucchero,

l'ho fatto andare per 13 minuti a temperatura Varoma velocita' 1.

Se dovesse fuori uscire un po' di liquido togliete il misurino e

abbassate appena appena la temperatura.

Strizziamo i fogli di gelatina e inseriamo nel boccale.

Facciamo andare ancora per 2 minuti a temperatura Varoma velocita' 1.

Ho preso il liquido ancora caldo con una pipetta e ho messo

il liquido nelle formine il piu' velocemente possibile.

Ho lasciato riposare nelle formine per tutta la notte.

Il mattino dopo le ho tolte dalle formine di silicone ( vengono via molto faciolmente)

e le ho passate nello zucchero semolato.

Conservate su un piatto coperto si tengono per diversi giorni in frigorifero.



A noi sono piaciute moltissimo e le faccio regolarmente.

Che bello poter mangiare determinati cibi ed essere informati sugli

ingredienti.

Una dolcissima domenica a tutti!


2 commenti:

  1. Voglio fare anche queste! sono rovinata!!!!! ah ah ah. Queste caramelle piacciono tantissimo sia a me che a mio nipote Matteo, e ogni volta che le compro lui viene e me ne chiede 2 non una......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono favolose Elsa e poi sai cosa c'è dentro ;-)

      Elimina

Grazie per aver lasciato un segno del tuo passaggio.
Il mio blog vive grazie ai vostri commenti.
La Zia Betti