venerdì 6 gennaio 2017

Corona dei re Magi e treccine

Come da tradizione negli ultimi anni preparo in casa,

con prodotti senza lattosio e farine integrali ,

la corona dei Re magi (tradizione svizzera).

Ho preparato l'impasto con il Bimby TM5 e poi mi sono

sbizzarrita con la fantasia.

Le uvette non sono molto amate da noi in famiglia.....

Le scaglie di mandorla lo stesso.......

E poi aggiungiamo anche le nostre intolleranze alimentari.....

Allora devo per forze maggiori farla in casa.

Quest'anno ho voluto cambiare impasto.

Ho provato con l'impasto del pane al latte presente

nel ricettario Bimby Libro base verde.


Per chi non avesse un Bimby puo' impastarlo anche

con un qualsiasi Robot da cucina o anche a mano

(prima di avere la fortuna del Bimby impastavo sempre a mano )

Ho messo nel boccale 300gr di latte  50 gr di burro e 10 gr di lievito

(perché lo faccio lievitare per piu' di un ora, in caso contrario la ricetta dice 20 gr )

60 gr di zucchero e imposto 3 minunti 37° vel 2

Dopo di che aggiungo la farina  550 gr

(potete usare manitoba, 0, io ho usato la 1)

un cucchiaino di sale e ho impostato nuovamente 3 minuti velocita' spiga.

Ho messo l'impasto in una ciotola coperta da una canovaccio umido e

l'ho fatto lievitare per un paio d'ore.






Per la corona ho preparato 7 panini piu' o meno della stessa grandezza

e quello centrale leggermente piu' grosso. In uno dei panini piu' piccoli

ho inserito il re di plastica, cosi' che chi lo trova è Re per un giorno.

Mi hanno detto che se non si trova il re si puo' uare una mandorla, una nocciola.

Con l'impasto restante ho fatto 11 treccine .

Ho spennellato con latte e uovo e ho cosparso lo zucchero a granella.

Ho infornato a 180° e quando erano ben dorati li tolti dal forno e li ho lasciati

raffreddare . Corona e treccine erano di una morbidezza assoluta.

Anche stamattina a colazione erano sofficissimi.....






Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato un segno del tuo passaggio.
Il mio blog vive grazie ai vostri commenti.
La Zia Betti